LA MIA PRIMA “COPPA DELLA PERUGINA”

LA MIA PRIMA “COPPA DELLA PERUGINA”

Sfolgoranti auto d’epoca, ma anche incontri con le bellezze paesaggistiche, culturali e gastronomiche umbre: è la Coppa della Perugina, “la più dolce delle rievocazioni storiche”, alla quale ho preso parte per la prima volta nei giorni scorsi. Per l’occasione, ho tolto dal mio garage personale l’Aston Martin DB6 carrozzata Touring Superleggera, vettura impareggiabile per comodità e affidabilità.

Tre giorni nella verde Umbria ci hanno portati nei luoghi più belli del perugino. Abbiamo sfilato sulle sponde del Lago Trasimeno, in visita a Castiglione del Lago, uno dei borghi più belli d’Italia. Ci siamo divertiti girando senza velleità competitive sulla pista dell’Autodromo di Magione. Raggiunta Orvieto, una guida ci ha condotti lungo le vie del centro storico, illustrandoci nel dettaglio tutte le bellezze cittadine, dal famoso duomo in stile gotico fino all’egnigmatico pozzo di San Patrizio, pranzando poi nelle segrete del vicino Castello di Titignano.

Non poteva mancare il tour al Museo della Perugina, dove un maître chocolatier ci ha intrattenuti con uno show cooking sulla preparazione delle praline, gustate poi con soddisfazione dai presenti.

La manifestazione si è conclusa con la rievocazione del Circuito storico della Coppa della Perugina e le premiazioni alla Città della Domenica, il parco faunistico dal quale si gode un punto di vista unico su Perugia.

Un grazie all’amico Ugo Amodeo, brillante organizzatore della kermesse, e a tutto lo staff che si è prodigato senza risparmio per confermare l’alto profilo dell’incontro.

print